Grande atlante dei dinosauri (Editoriale Scienza)

Anne Rooney, illustrazioni di James Gilleard, Grande atlante dei dinosauri, Editoriale Scienza

Sono tanti (tantissimi) i bambini amanti dei dinosauri e certamente questo libro farà la loro gioia: Grande atlante dei dinosauri, pubblicato da Editoriale Scienza, è infatti un volume perfetto per i paleontologi in erba, con tante informazioni, fotografie, mappe e alette da sollevare.

L’atlante è stato realizzato con la consulenza del dottor David Button, paleontologo presso il Museo di Scienze Naturali della Carolina del Nord. La consulenza del dottor Button ha garantito, oltre all’attenzione per l’accuratezza e la correttezza delle informazioni, anche l’inclusione nel volume di tutte le ultime scoperte e delle teorie più aggiornate riguardo i dinosauri, con la consapevolezza che si tratta di un campo in cui c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Le scoperte sui dinosauri, infatti, si  possono considerare abbastanza recenti: fino a 200 anni fa questi rettili preistorici erano del tutto sconosciuti e gli studi sono stati approfonditi soprattutto dal 1990, in parallelo con il sempre crescente numero di ritrovamenti fossili.

Le prime due pagine del volume, come una breve introduzione, ci danno sia l’intervallo temporale dell’esistenza dei dinosauri sulla Terra (ovvero l’Era Mesozoica, divisa poi in tre periodi: Triassico, Giurassico e Cretaceo) sia la loro divisione in tre grandi gruppi (i teropodi, i sauropodi e gli ornitischi).

Un viaggio indietro nel tempo

Come dichiarato dal titolo stesso, siamo davanti a un atlant(un grande atlante!), quindi molto spazio è dedicato alle carte geografiche illustrate. La prima carta geografica rappresenta tutto il pianeta: i dinosauri, infatti, esistevano quasi ovunque e se alcuni territori sembrano più ricchi di fossili rispetto ad altri è perché lì ci sono state più ricerche e quindi più ritrovamenti.

Con un primo sguardo d’insieme, in questa carta ci viene mostrata una grande varietà di dinosauri, tutti legati al loro luogo di ritrovamento. Aprendo questa doppia pagina però comincia un vero e proprio viaggio nel tempo, all’origine non solo della storia dei dinosauri ma anche della storia della Terra stessa, con una grande quantità di informazioni, divise in box brevi e chiari,  approfondite con l’utilizzo di illustrazioni e alette da sollevare. Con questa modalità che porta all’interazione tra libro e lettore, continua la storia dei dinosauri fino alla loro estinzione prima di arrivare all’approfondimento, continente per continente, dei principali fossili ritrovati, con le conseguenti scoperte sui vari tipi di dinosauri e le loro caratteristiche.

Al Nord America è dedicata una mappa intera perché è qui che sono stati trovati più fossili rispetto a ogni altra parte del mondo, così anche al Sud America, dove invece sono stati trovati i fossili più antichi, seguono Europa, Asia, Africa, Antartide e Australia.

Ma i piccoli paleontologi non scopriranno solo come erano fatti i dinosauri, dove vivevano e le loro abitudini, grande spazio è infatto riservato all’approfondimento di che cosa sono i fossili e alla loro formazione, oltre che alla conoscenza dei paleontologi, non solo per capire quale sia il loro lavoro ma anche per conoscerne le principali figure storiche. Alla fine del libro, un utile glossario riporta i principali termini scientifici incontrati nelle pagine precedenti.

Grande atlante dei dinosauri, una coedizione con Lonely Planet Kids, è un volume ricchissimo che lascerà a bocca aperta tutti i piccoli amanti di queste straordinare creature del passato.

L'autore di questo post

Classe 1982, pugliese, fiorentina d’adozione e con un debole per la Francia. Da quando ho scoperto A. A. Milne e Astrid Lindgren, mi è stato chiaro all’improvviso che cosa avrei fatto da grande e poco importa il fatto che un po’ grande lo fossi già. Da allora mi dedico alla letteratura per l’infanzia e ragazzi, tra studio, letture e i primi passi nel dietro le quinte del mondo editoriale.

Nessun commento su "Grande atlante dei dinosauri (Editoriale Scienza)"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *