Fukushima a fumetti

In occasione del triste anniversario del disastro che ha colpito il Giappone l'11 Marzo 2011, quando un violentissimo terremoto e uno tsunami hanno travolto le zone di Sendai e del Tohoku causando un' emergenza nucleare senza precedenti, mi sono ritrovata a pensare a tutta l'arte scaturita da disastri simili, e mi sono chiesta se qualcuno avesse pensato di scrivere un manga sul disastro. Grazie ai media e soprattutto grazie ad internet, ci sono arrivate molte testimonianze artistiche su come i locali abbiano vissuto questa tremenda tragedia: ricordo benissimo ad esempio l'intervento di Banana Yoshimoto, o i tristi ed emozionanti scatti fotografici dei giorni seguenti al disastro. 

Cercando un po' in rete ho visto che il mondo dei manga non si è sottratto a queste testimonianze, ma una lettura mi ha colpito su tutte: Field of Cole, di Misukoso. Mihoko Ishizawa, questo il vero nome dell'autrice, ha una storia molto particolare alle spalle: a 24 anni ha avuto un incidente in bicicletta e ha perso 6 mesi di ricordi. In nessun modo potrà mai ricordare cose come  il giorno della sua laurea e la festa con i suoi amici nei giorni successivi.

Dà lì, Mihoto ha avuto un'epifania, e ha deciso che nessuno deve dimenticare. Scordarsi, anche delle vittime di un disastro, vorrebbe dire ucciderle due volte. E Field of Cole è un piccolo capolavoro per non dimenticare: contiene diverse storie che hanno come background i drammatici momenti di quell'11 marzo,storie che fanno riflettere sull'importanza del ricordo e della memoria.

Il nome del manga, letteralmente "campo di cavolo" deriva dall'esperienza diretta dell'autrice come volontaria nelle zone colpite dal disastro. Dopo aver liberato una zona dai detriti e dalle rovine, ha piantato in un'area una vasta piantagione di cavoli come simbolo di speranza, della nuova vita che fiorisce nonostante tutto.

Troverete questo piccolo gioiello su Amazon.

 

L'autore di questo post

Nessun commento su "Fukushima a fumetti"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *