La fiaba di Marjane

Lo scaffale di Maria

Ancora una volta, per Lo scaffale di Maria, è Valentina a proporci una recensione. Compagna di scuola di Maria (Liceo delle Scienze Umane “Niccolò Tommaseo” ), Valentina ama leggere, è ironica e curiosa. Stavolta ci suggerisce un film di qualche anno fa che però vale la pena rivedere. È il bellissimo film d’animazione Persepolis di Marjane Satrapi, ispirato alla graphic novel della stessa Satrapi, l’omonimo racconto autobiografico diviso in quattro volumi pubblicati da Rizzoli Lizard.

La rubrica è aperta a tutti coloro che amano raccontare i libri che leggono. Allora, cosa aspettate?

Nel frattempo, buona lettura!

Titolo: Persepolis

Autore: Marjane Satrapi, Vincent Paronnaud

Anno: 2007

Durata: 95 minuti

Genere: animazione, biografico, drammatico

 

Trama:  Persepolis è il racconto dei primi 21 anni di Marjane, una ragazza iraniana che ripercorre la propria vita e con essa la storia recente del suo Paese senza mai piangersi addosso, senza alcuna commiserazione. Ci troviamo a Teheran, nel 1978. Qui Marjane ha otto anni, è una bambina molto educata e sogna di essere un profeta che un giorno salverà il mondo. I suoi genitori sono molto moderni ed è particolarmente legata a sua nonna. In quel periodo segue gli avvenimenti che porteranno alla Rivoluzione e provocheranno la caduta dello Scià e, a sua volta, l’instaurazione della Repubblica islamica. Inizia il periodo dei “pasdaran” che controllano i comportamenti e i costumi dei cittadini. Marjane, che deve portare il velo, diventa una rivoluzionaria. La guerra contro l’Iraq provoca bombardamenti, privazioni e la sparizione di parenti. La repressione interna diventa ogni giorno più dura e i genitori di Marjane decidono di mandarla a studiare in Austria per proteggerla. A Vienna, Marjane vive a 14 anni la sua seconda “rivoluzione”: l’adolescenza, la libertà, l’amore ma anche l’esilio, la solitudine, la diversità.

Personaggi principali:  Marjane Satrapi

Personaggi secondari:  Tadji Satrapi,il padre; Ebi Satrapi, la madre; nonna Satrapi

Episodio principale: Racconta la vita dell’autrice, in prima persona, gli eventi che hanno profondamente segnato il suo Paese, l’Iran, ma anche il mondo intero, partendo dall’infanzia trascorsa in Iran fino all’età adulta. Marjane è testimone prima del potere tirannico esercitato dallo Scià e poi del sistema oppressivo instaurato dai Guardiani della Rivoluzione, ma anche dei pregiudizi che caratterizzano la società occidentale nei confronti degli orientali.

Consiglio: Questo è un film che insegna, commuove e in alcuni punti fa anche sorridere. Magari all’inizio potrebbe apparire noioso, ma ne consiglio la visione a tutti, perché racconta gli orrori della guerra visti con gli occhi di una bambina e la dura realtà della triste condizione delle donne, in quei mondi così diversi dai nostri.

L'autore di questo post

Nessun commento su "La fiaba di Marjane"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *