Leggere favole e leggende (il Fantasy!) fa diventare adulti intelligenti

Cari, dolci, amati kiddi, siete già andati a vedere al cinema Lo Hobbit, il primo film della nuova trilogia di Peter Jackson, dedicata al romanzo di JRR Tolkien? Sicuramente sì! Vi è piaciuto?

Il film, in Italia e nel resto del mondo, sta sbancando ai botteghini e sembra proprio che ai ragazzi il fantasy faccia proprio bene! E non solo il fantasy, s’intenda! Favole, leggende, miti, infatti, fanno diventare grandi kiddi.

La notizia arriva dall’Australia, paese straordinario e anch’esso ai confini della fantasia! Non credete? Il Professor Kevin Donnelly, direttore dell’ Education Standards Institute e autore di Educare il bambino, ha pubblicato recentemente  sul quotidiano online The Australian, un’interessante riflessione sull’importanza di introdurre i ragazzi a favole, leggende e fiabe.

Citando gli studi dello psicologo americano Bruno Bettelheim, Donnelly ci spiega perché i classici aiutino i ragazzi a capire il mondo. L’Odissea, l’Iliade, per esempio, oltre ad essere opere altamente avvincenti e piene di racconti avventurosi, insegnano a distinguere il valore delle azioni degli uomini. Gli eroi di Omero insegnano ai kids di oggi il valore della resistenza e del coraggio.

La popolarità di storie e racconti, miti e leggende, che provengono dalle nostre più antiche tradizioni letterarie, favoriscono l’interesse dei bambini per personaggi che, nel bene e nel male, forniscono loro autentiche lezioni di morale. Guerrieri, Divinità, Cavalieri, Re, Hobbit, Fate, Elfi, Nani, Animali fantastici, creature della Natura, animali parlanti e quant’altro, aiuterebbero i genitori di oggi in una missione difficile: educare i propri figli.

Sì, perché attraverso le loro storie e le loro fantastiche avventure, i bambini affrontano prove ed esperienze magiche, acquisendo maggiore consapevolezza di sé stessi e degli altri. Questo genere di personaggi e questo mondo fantastico, non privo di violenza, salva i bambini dalla realtà, una quotidianità sempre più pericolosa, sempre più attaccata da fenomeni ingestibili come i videogames, la tv, Internet, gli Sms.

Nel contempo, però, queste leggende, miti, favole conservano sempre un fascino irresistibile: avventura, magia, battaglie, incontri, scontri, amori, dissapori. Per questa ragione, moltissimi registi si stanno dedicando a film che (per fortuna) riportano nelle sale i classici di sempre, le avventure di personaggi antichi ed epici, come i guerrieri di Troia. Ma  si sono rivisti, di recente, anche personaggi fantasy come Alice nel Paese delle Meraviglie, Biancaneve, Il Gatto con gli Stivali, Lo Hobbit, i ragazzi e gli esseri di Narnia.

Quali sono i vostri preferiti? E cosa ne pensano i genitori di questa interessante riflessione di Donnelly? Fateci sapere la vostra!

L'autore di questo post

Nessun commento su "Leggere favole e leggende (il Fantasy!) fa diventare adulti intelligenti"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *