Edgar Allan Poe: Il Corvo

Se dico 31 Ottobre, cosa vi viene in mente? Naturalmente Halloween!! A dire il vero, non sono riuscita a trovare una poesia spaventosa, ma, ne ho trovata una spaventosamente bella di Edgar Allan Poe, dal titolo Il Corvo. E un corvo ad Halloween ci sta proprio bene. Tra l'altro Poe (1809-1849)  è stato uno dei rappresentanti più importanti della letteratura gotica e molti dei suoi racconti inquietano un po', per esempio Il pozzo e il pendolo a me ne ha messa di paura, anzi, potreste leggerlo domani sera insieme ai vostri amici per creare la giusta atmosfera per la notte più oscura dell'anno. Buon divertimento…

Il Corvo

"Siano queste parole d'addio" alzandomi gridai
"uccello o creatura del male, ritorna alla tempesta,
Alle plutonie rive e non lasciare una sola piuma in segno
Della tua menzogna. Intatta lascia la mia solitudine,
Togli il becco dal mio cuore e la tua figura dalla porta"
Disse il Corvo: "Mai più"
E quel Corvo senza un volo siede ancora, siede ancora
Sul pallido busto di Pallade sulla mia porta.
E sembrano i suoi occhi quelli di un diavolo sognante
E la luce della lampada getta a terra la sua ombra.
E l'anima mia dall'ombra che galleggia sul pavimento
Non si solleverà "Mai più" mai più.

L'autore di questo post

Specialista in crollo di librerie, appassionata di storie tanto da credere di viverne una ogni giorno. Siciliana, mamma, webwriter. Parlo poco e sorrido molto. Questa sono io.

Nessun commento su "Edgar Allan Poe: Il Corvo"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *