Dal Giappone che allegria ecco la lettera per la Zia

Dal Giappone… che allegria, arriva una lettera per la Zia!

Di un bel parco il bimbo parlerà, quel che ha fatto ci racconterà.

Il paese dei ciliegi è molto affascinante, è un peccato sia così distante!

Zia Amaranta pensa che sarebbe bello un giorno andarlo a visitare

e con tanti bimbi dagli occhi a mandorla poter giocare!

 

Konnichiwa Zia Amaranta, sono Daiki, ho 8 anni e vivo a Kyoto in Giappone.

So che tanti bimbi ti scrivono per parlare di loro, Io ho deciso di scriverti perché Domenica i miei genitori mi hanno portato in un luogo bellissimo e vorrei raccontarti questa esperienza al Parco di Arashiyama. Tutti dovrebbero visitarlo quando vengono in Giappone! 

Questo immenso parco si trova fuori dal centro città, infatti ci siamo andati in treno.

Per entrare nel parco abbiamo attraversato il Ponte Togetsukyo che significa "ponte che attraversa la luna”.

Questa è una stagione bellissima per visitare il parco perché il colori autunnali lo rendono ancora più magico, alcuni amici sono andati alla fioritura dei ciliegi e mi hanno detto che il parco sembrava immerso nella panna montata.

Camminando siamo arrivati al Tempio Tenryuji. Mio papà mi ha raccontato che è vecchissimo: addirittura del 1339, è davvero tanto tanto tempo fa! Secondo me neanche tu Zia Amaranta sei così vecchia! La cosa più bella è il giardino del tempio perché è ancora come quando l’hanno costruito i nostri avi.

In casa abbiamo tanti oggetti e pezzi d'arte in bambu, così sono stato contento di visitare i boschetti di bambù… li chiamano boschetti, ma è una vera e propria foresta con bambù talmente alti che non si vedeva la fine!

La cosa più divertente, però, è stato il parco delle scimmie di  Iwatayama dove ho visto tante scimmie selvatiche che vivono nelle montagne boscose di Arashiyama.

E’ stato stancante arrivare in cima perché si deve camminare tanto, ma è talmente emozionante che non mi sono neanche accordo della strada. Ho incontrato tante scimmie sugli alberi e lungo la strada, ma la cosa che mi ha lasciato senza fiato è stato quando siamo arrivati in cima e ho visto un centinaio di scimmie completamente libere! E’ una specie di zoo al contrario infatti l’unica gabbia esistente è quella per gli uomini! La gabbia serve per non farsi assalire dalle scimmie quando si vuol dar loro da mangiare cibi appositi.

 

Mi sarebbe piaciuto fare anche una gita in barca lungo il fiume Hozu per attraversare il canyon e alcune rapide ma si è fatto tardi, quindi abbiamo dovuto prendere di nuovo il treno e tornare a casa.

Dovevo riposarmi perché il mattino dopo mi aspettava una giornata impegnativa. Nella mia scuola a turno noi alunni impariamo a tenere la classe e la scuola in ordine e pulita, è un compito di grande responsabilità e il giorno dopo sarebbe toccato a me, ero molto agitato e ho dormito pochissimo, ma sono riuscito a svolgere al meglio questa importante attività e tutto è andato per il meglio!

A presto Zia Amaranta, se visito altri luoghi interessanti ti scriverò ancora!

Un abbraccio… genki de

Daiki

L'autore di questo post

Nessun commento su "Dal Giappone che allegria ecco la lettera per la Zia"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *