Cuntala: il gioco si fa equo

cuntala2Cuntala in siciliano significa “raccontala” ed il nome è particolarmente appropriato per un progetto che in modo semplice persegue l’obiettivo molto ambizioso di aiutarci a raccontare una storia diversa sui ruoli e le identità di ognuno di noi.

Cuntala è un progetto per la costruzione di "giochi divertenti e creativi – giochi inclusivi e multiculturali – che superano le divisioni tra nazionalità, mettono in discussione gli stereotipi di genere, danno spazio alle diverse tipologie familiari e preferenze sessuali che popolano il nostro mondo".
 
"Tra i nostri personaggi", spiegano infatti i promotori "non trovate principi e principesse, ma bambine e bambini differenti per aspetto e colori, donne e uomini che svolgono i più disparati mestieri, sindache e sindaci, esploratrici ed esploratori, ruspisti e ruspiste, coppie omosessuali, famiglie multiculturali, e tanto di più. Ma, insieme a loro, frigoriferi, frullini, giraffe, elefanti … un universo di oggetti e personaggi per guardare fuori da cornici stereotipate, per imparare a riconoscere e a costruire un mondo di pari opportunità".
La riflessione da cui è nata questa idea è che i modelli che offriamo ai nostri bambini volontariamente e non, in modo diretto e non, sono spesso molto stereotipati.

Il primo progetto realizzato è un gioco di carte per bambini da 6 anni in su, un mazzo di 44 deliziose carte illustrate a mano e con testi incuntala 3 diverse lingue per giocare insieme a inventare storie con i bambini. Una volta divise le carte tra i partecipanti al gioco, a turno si comincia a raccontare una storia e si inventa in piena libertà: ogni partecipante può aggiungere dare un contributo alla storia prendendo ispirazione dalle carte che gli sono toccate in sorte. La struttura del gioco è stata ideata in modo da proporre al bambino un’attività che gli permetta di avere molteplici punti di vista sulla realtà.

L’idea di base è proporre giochi che offrano ai bambini nuovi e diversi punti di vista sulla realtà per costruire un mondo più equo. Per ora è basato sul volontariato e propone laboratori per bambini, genitori e insegnanti, ma ambisce a mandare in produzione una linea di giocattoli inclusivi e di pari opportunità.

cuntalaCuntale si sta cercando di sostenere col metodo del crowdfunding, cioè si basa sul finanziamento collettivo. Chiunque può sostenerlo con una donazione sulla piattaforma ulule, per arrivare alla cifra necessaria per stampare le carte, inviarle ai donatori e promuovere il progetto sul web, nelle librerie, nelle fiere e in ogni altra occasione che consenta di consolidarlo.
 
Insomma i giochi tendono a riprodurre un modello di società non solo non più realistica, ma anche molto chiusa. L'idea di Cuntala è che giocando a raccontarsi storie, ridendo e divertendosi, si può avere a che fare e familiarizzare con personaggi molto più inclusivi sotto molteplici punti di vista.

 

L'autore di questo post

Nessun commento su "Cuntala: il gioco si fa equo"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *