I grandi classici natalizi '80/'90

Nel parlare di grandi classici ho un po’ esagerato. Lo ammetto.
Niente La vita è meravigliosa (1946) o Il miracolo della 34° strada (1947). Né tantomeno Bianco Natale (1954). No, io mi riferisco a tutt’altro: a quella serie di pellicole cinematografiche che abbiamo imparato ad amare da ragazzini, e che, ormai cult, sono diventati appuntamento immancabile di ogni periodo natalizio.
Cioè, davvero, che razza di Natale sarebbe, mi chiedo, senza vedere un Mamma ho perso l’aereo o Una poltrone per due? Senza dubbio, un Natale incompleto.
Sono film che conosciamo a memoria, certamente non pietre miliari della storia del cinema, ma, nonostante tutto, prodotti che la maggior parte di noi non può non amare. Sono frammenti di memoria. Testimonianze di piccole felicità passate. Questo perché, si sa, quando si è kids il Natale è tutto un’altra cosa.

Mamma ho perso l’aereo (1990)
Ricordo che da bambino, dopo averlo visto, mi dilettavo a mia volta nella costruzione di rudimentali trappole casalinghe. Ho rimosso, però, se qualcuno vi sia mai caduto dentro…
In ogni caso, come non iniziare da questa simpatica commedia del 1990, con un allora giovanissimo Macaulay Culkin nella parte dell’ingegnoso Kevin?

– Lo scorso marzo, l’abitazione dei McCallister, nel villaggio di Winnetka, Illinois, è stata venduta per oltre 1 milione di dollari. Ora è un’attrazione turistica.

 Una promessa è una promessa (1996)
Mai, e dico mai, temporeggiare per i regali di Natale. Consiglio che mi do all’approssimarsi di ogni dicembre (e che puntualmente non seguo).
Se poi il regalo da fare è l’ultimo ritrovato in fatto di giocattoli, quel Turbo-Man da tutti i bambini desiderato, ecco che ridursi all’ultimo momento potrebbe rivelarsi l’errore più grande della propria vita. Soprattutto se si ha un figlio che aspetta.

 – In occasione dell’uscita del film, alcuni esemplari di Turbo-Man, delle fedeli riproduzioni, sono state davvero prodotte e commercializzate negli States dalla Tiger Electronics. Oggi sono veri pezzi da collezione. Costosi e ricercati.

Una poltrona per due (1983)
Ora, non so voi, ma personalmente lo becco sempre la sera della Vigilia; questo sì, appuntamento davvero immancabile di tutte le nostre feste dicembrine. Che sia tv generalista o satellitare poco importa… Perché non esiste anno che la bizzarra coppia formata da Eddie Murphy e Dan Aykroyd non faccia capolino dal piccolo schermo. In verità, una delle pochissime certezze della nostra vita.

 – Il film viene ancor oggi utilizzato per spiegare alcune delle dinamiche tipiche dell’economia di borsa.

S.O.S Fantasmi (1988)
Rivisitazione moderna del classico di Charles Dickens, il film porta in scena un cinico Bill Murray perseguitato da alcuni spettri intenzionati a riportarlo sulla retta via.
Per la cronaca, il Fantasma dei Natali futuri mi aveva traumatizzato non poco.

 – Il titolo italiano (en. Scrooged) è stato all’epoca scelto per richiamare il celebre Ghostbusters, film di successo di qualche anno prima.

 Quattro film con annesse curiosità, dunque. Quei titoli ai quali, per un motivo o per l’altro, son maggiormente legato. E i vostri? Quali sono?

L'autore di questo post

5 commenti su "I grandi classici natalizi '80/'90"

  1. Ciao! Ho appena rivisto con i miei nipotini “Mamma ho perso l’aereo”! Prima di Natale abbiamo un altro appuntamento: “Mamma ho riperso l’aereo, mi sono smarrito a NY”! Non hai idea, che effetto rivederlo con quei due mostriciattoli: a me sembra di avere ancora la loro età! Io inserirei Fantaghirò, altro ‘classicone’ kitch della nostra epoca ’80-’90!

  2. Hai pienamente ragione. “Fantaghirò”!
    Questo sì che non può mancare, ora che ci penso. Un caposaldo della nostra televisione natalizia.
    Ricordo che lo si aspettava anche con un certo piacere. Un capitolo l’anno diviso in due appuntamenti serali.

    Il fantasy andava forte in quegli anni, sì.

  3. ilariadevita

    Avrò visto entrambi i film di “Mamma ho perso l’aereo” un milione di volte! anzi confesso che continuo a vederli ogni volta che li passano in tv e conosco molte battute a memoria (aiuto!)…ma fanno tanto Natale! “Fantaghirò” lo replicano meno spesso ma all’epoca non mi sono persa un appuntamento e da brava bambina sognante Romualdo era nel mio cuore!

  4. Io Fantaghirò lo odiavo, ma era un abitudine sapere che ci sarebbe stato e anche l’inventarmi come dribblarlo in tv…
    Nel bene e nel male, anche F dà una sensazione di Natale 🙂
    Io ho sempre guardato, per tradizione, i vari Mamma ho perso l’aereo e Mamma ho preso il morbillo, poi anche Miracolo sulla 34 strada, il remake del ’94 <3
    Io poi ci vedo sempre il solito fascino nel Natale perché il mio compleanno è la vigilia e quindi ho sempre vissuto la festa tra mille giocattoli, fin dalla mattina, e i film Natalizi che trasmettevano…
    Potevano essere illustrissimi sconosciuti, pellicole uscite solo come film tv, ma a me bastava una qualsiasi storiella in cui qualcuno non credeva più al Natale per qualch triste fatto personale e che, con tutta una serie di interventi di amici e conoscenti, riacquistava la fede.
    E la scena finale iin cui l'albero scintillava, la mattina del 25, in mezzo ad un salotto carico di regali.
    😀
    Potevano essere anche 4/5 film di seguito, stavo seduta a vederli tutti… si faceva pranzo e poi sera, e poi arrivava anche il film di Serie A, uno di questi classiconi che andavano solo in prima serata.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *