"Chissà" che cosa succede al di là di un finestrino…

Ogni viaggio, dal momento che (ahimè) ancora nessuno scienziato è riuscito nell’impresa di costruire una macchina per il teletrasporto, richiede un po’ di fatica: scegliere che cosa mettere in valigia, svegliarsi, a volte, la mattina prestissimo per evitare il gran caldo e il traffico, preparare i biglietti, la borsa da mare/montagna etc… Non è detto, però, che il divertimento non possa cominciare prima di essere arrivati a destinazione, perché, qualunque sia il mezzo di trasporto con il quale ci muoviamo, basta solo affacciarsi da un finestrino per vedere uno spettacolo sempre diverso.

Un viaggio in treno è lo scenario di Chissà, un’applicazione che trasporta sugli schermi di iPhone e iPad l’omonimo libro, pubblicato nel 2009 da Kite Edizioni, scritto da Marinella Barigazzi con le illustrazioni di Ursula Bucher.

Marco, il protagonista dell’e-book, viaggia per la prima volta in treno: l’emozione è tanta e noi lo vediamo solo di spalle (all’inizio e alla fine della storia) perché è troppo impegnato, in ginocchio sui sedili, a guardare il mondo che gli scorre davanti, al di là del vetro del finestrino.

Dopo aver voltato la prima pagina, sarà proprio ciò che è al di là del vetro a occupare interamente la scena, insieme ai pensieri di Marco che si affollano nella sua mente (e cambiano come cambia il paesaggio); il bambino si fa domande e a volte si risponde da solo, con un’inventiva che rende tutto più magico.

L’applicazione, riprendendo un bel libro, non delude nella poesia e freschezza del testo e delle illustrazioni (molto bella, in particolare questa qui del mare, con le sue strade segrete),

mza_3275171684737909021.480x480-75purtroppo però, a livello di interazione e gioco, l’app non offre molto di più rispetto al libro; si può, per esempio, far andare avanti o indietro un treno, muovere una balla di fieno, etc., ma è quasi più piacevole continuare la lettura senza fermarsi. 

Oltre al libro, nella sezione Gioca sono presenti delle tavole da colorare tratte dalla storia e inoltre è possibile seguire il viaggio di Marco con una voce narrante, leggendo da soli o registrando un'altra voce.

L’app costa 0,89 € e si scarica qui.

Chissà… voi dove siete andati in vacanza, dove andrete e che cosa penserete guardando fuori dai finestrini.      

L'autore di questo post

Classe 1982, pugliese, fiorentina d’adozione e con un debole per la Francia. Da quando ho scoperto A. A. Milne e Astrid Lindgren, mi è stato chiaro all’improvviso che cosa avrei fatto da grande e poco importa il fatto che un po’ grande lo fossi già. Da allora mi dedico alla letteratura per l’infanzia e ragazzi, tra studio, letture e i primi passi nel dietro le quinte del mondo editoriale.

Nessun commento su ""Chissà" che cosa succede al di là di un finestrino…"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *