"Cate, io" di Matteo Cellini per noi ha vinto lo Strega

Sono irriconoscibile quando saluto mamma sulla porta, e non perché ho mezza faccia sotto la sciarpa, semplicemente, come il più triste dei supereroi, la mia identità scompare non appena esco di casa, appena supero la cancellata – e non sono più Caterina.

Matteo Cellini non è rientrato nella cinquina finale, ma è stato tra i finalisti del Premio Strega con un racconto su Cate, 17 anni, obesa. 

boteroTutte le mattine Caterina, 17 anni, si sveglia, fa colazione, si veste passando attraverso la tortura dei vestiti e va a scuola. Appena esce di casa non è più Caterina, si trasforma in una supereroina: Cater-pillar, Cate-ciccia, Cate-bomba.
Trasformarsi in una supereroina è il solo modo che ha per sopravvivere, perché Caterina è obesa e i vestiti che la stringono sono il costume da supereroe che indossa quotidianamente per proteggersi dalle cattiverie del mondo.

La sola normalità che Caterina conosce è quella all'interno delle mura domestiche, dove vive con la madre, il padre e i due fratelli, Gionata e Oscar. Nessuno di loro entra nelle poltrone del cinema del paese.

Qualsiasi ragazza o donna abbia provato anche solo che significa essere un po’ sovrappeso sa che non è questione di dire, semplicemente, “sono cicciona” e di ricondurre tutto a “metto maglioni grandi e lunghi”. No, c’è l’intimità dolorosa della consapevolezza continua del proprio corpo – odiare la femminilità, il seno formoso eppure non “sexy”, le cosce che sfregano, il sudore, il disagio… Tanti e tanti dettagli che “sono cicciona” non comprende.

cate io 10 righeL'autore racconta un'adolescenza difficile attraverso lo sguardo spietato e feroce della sua protagonista, con un sentimento di grande rispetto per questa eroina della dismisura e per la battaglia che affronta quotidianamente senza cedere alla compassione e racconta una storia di ordinaria anormalità in una società dell’immagine ossessionata dalla perfezione, coniugandola con il romanzo di formazione. 

 

L'autore di questo post

Nessun commento su ""Cate, io" di Matteo Cellini per noi ha vinto lo Strega"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *