Bologna Ragazzi Award: i vincitori del 2015

Ci siamo! Si avvicina sempre di più la Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, (Bologna Children’s Book Fair) fiera attesissima da appassionati ed esperti del settore che, in questi giorni, si scambiano idee, culture, diritti d’autore e chiacchiere.

E poi ci sono i vari premi: il Bologna Ragazzi Award è quello più importante – anche se non l’unico – ed in quanto tale ha bisogno di una giuria di qualità.

Io una giuria me la sono sempre immaginata seduta attorno ad una tavola rotonda, un po’ come i cavalieri più vicini a Re Artù. In quel caso erano circa venticinque, nel caso della giuria del Bologna Ragazzi Award decisamente meno: quattro, di preciso. Me li immagino: Fanuel Hanán Díaz, Dinah Fried, Stefano Salis, Claudia Söffner, Quattro i giurati, quattro i libri da premiare: uno per la sezione Fiction, la sezione dedicata a opere di fantasia, libri di storie o favole illustrati; uno per quella Non Fiction che raccoglie le pubblicazioni a carattere informativo, concernenti ogni area del sapere, scienza, storia, arte, musica, biografie, attualità, utili all’apprendimento; un terzo per la sezione New Horizons, riservata all’editoria dei Paesi Arabi, dell’America Latina, dell’Asia e dell’Africa, che offre spunti di grande innovazione; ed infine la sezione più ambita dagli autori esordienti, perché interamente dedicata loro: la sezione, ormai diventata permanente, Opera Prima.

winner_flashlight_cover okPartiamo allora alla scoperta dei libri vincitori di quest’anno. Per la sezione Fiction si classifica primo un libro dedicato ad una delle paure più comuni e temute dai bambini, la paura del buio. L’opera si chiama Flashlight, è pubblicata dalla statunitense Chronicle Books. Un bimbo sbircia da una tenda che dà sull’oscurità più completa: all’inizio tutto fa paura, ma la torcia, con il suo fascio di luce, rivela che la natura, di notte, può essere molto affascinante e per niente pericolosa. Le illustrazioni di Lizy Boyd su carta nera sono originali e creano un’atmosfera del tutto poetica, grazie anche all’uso del colore che vediamo soltanto nella natura illuminata dal fascio di luce. Un racconto semplice eppure profondo sulla curiosità naturale dei bambini, instillata in loro come antidoto alle paure.

WINNER_avant apresNella sezione Non fiction primeggia Avant Après, opera parigina dell’editore Albin Michel Jeunesse, con il testo scritto da Anne-Margot Ramstein, e le splendide illustrazioni di Matthias Aregui. Il libro, che si è già fatto notare sugli scaffali delle librerie per i suoi contrasti netti di colore e le sue linee decise, parla dello scorrere del tempo: il lettore ha l’istinto di sfogliare il libro velocemente, aprendo le pagine un po’ a caso, ma giunto alla fine, non può fare a meno di tornare all’inizio e godersi appieno lo scorrere del tempo attraverso le coppie di immagini che mostrano il prima e il dopo di diverse cose del mondo.

 

winner_abecedario_cover_OKDi grande cura e qualità è il vincitore della sezione New Horizons. Abecedario, dell’editore argentino Pequeño Editor. Aprendo il libro si viene subito pervasi dall’energia e la vitalità che le pagine piene di illustrazioni trasmettono; i personaggi pur nella loro ordinarietà, richiamano all’assurdo e al giocoso, a qualcosa d’altro oltre le semplici azioni. L’originalità di quest’opera sta proprio nel fatto di aver scelto, per ripassare le lettere dell’alfabeto, delle azioni e non delle cose.


winner_la fora
Ultimo, ma non in ordine di importanza, il vincitore della sezione Opera Prima: Là fora, libro portoghese della casa editrice Planeta Tangerina. Le autrici, e l’illustratore, tutti rigorosamente esordienti, si chiamano Maria Ana Peixe Dias e Inês Teixeira do Rosário, e Bernardo P. Carvalho. Essenziale nei colori base dell’arancio e dell’azzurro, ma ricco nell’uso della tipografia, elegantissima, questo libro stupisce per l’originalità del suo formato più che del contenuto. Un libro sulla natura che è sì una piccola enciclopedia, ma che ha innesti di poesia al suo interno. Al di là di un intento divulgativo scientifico c’è una sensibilità poetica che gli autori vogliono trasmettere al lettore. Grazie a tale sensibilità, tutto ciò che si trova “ là fuori”, è degno di rispetto e di amore, perché è vita e poesia insieme.

Questi i quattro libri che verranno premiati ufficialmente il primo giorno di fiera, lunedì 30 marzo 2015, alle 18.30 presso l’Auditorium Enzo Biagi della Biblioteca Salaborsa.

Pronti dunque? Si parte! Buona Fiera a tutti quanti!

L'autore di questo post

Sono nata nella primavera inoltrata del 1989 , tra i campi coltivati e la nebbia della pianura Bolognese. Dicono di me: saggia, testarda, capace di dare consigli agli altri. Vero. Ma penso sia grazie ad una mia caratteristica: l’eterno conflitto tra finzione e realtà, tra immaginazione e dato di fatto, conflitto che mi tiene incredibilmente in equilibrio. Porto avanti sin dall' infanzia un’inclinazione naturale sia alla filosofia e all’ analitica, sia all’ arte in tutte le sue forme. Suono, canto, disegno, scrivo, e sono sempre alla ricerca di cose nuove da scoprire…In un’unica definizione: un’inguaribile curiosa pignola che non scende mai dalle nuvole.

Nessun commento su "Bologna Ragazzi Award: i vincitori del 2015"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *