Dentro e fuori la Bologna Children’s Book Fair 2018

Si è da poco conclusa la 55a edizione della Bologna Children’s Book Fair, appuntamento internazionale che ogni anno raduna editori, illustratori, scrittori, studiosi e chiunque si occupi di libri per ragazzi.
E mentre gli operatori del settore sono al lavoro nei padiglioni della fiera, l’intera città si popola di mostre, presentazioni e laboratori da non perdere.

Per le strade di Bologna

Questa bella “invasione” comincia proprio dalle strade di Bologna, che quest’anno ospitano la Chris Riddell Portraits Gallery: i personaggi più noti del celebre illustratore inglese (che ha tenuto in Fiera due strepitose “conferenze disegnate”) faranno compagnia, in grandissimo formato, a chi passeggia fra Strada Maggiore e Via Ugo Bassi fino al 22 aprile.

Fra gli altri grandi ospiti di Hamelin Associazione Culturale troviamo Sergio Ruzzier, illustratore la cui mostra Vita di uno strano signore è visitabile presso la sede dell’associazione fino al 4 maggio, e il “narratore di avventure” italiano per eccellenza, Mino Milani, che quest’anno ha festeggiato con un incontro in Fiera il novantesimo compleanno e che continua ad appassionare lettori di ogni età con le sue storie avvincenti e profondamente umane. A entrambi Hamelin ha dedicato un volume della collana Oblò.

I luoghi della Fiera in città

A proposito di mostri sacri della letteratura per l’infanzia, la Bologna Children’s Book Fair 2018 ha accolto anche Helen Oxenbury, illustratrice inglese le cui storie hanno accompagnato, e tuttora accompagnano, intere generazioni di lettori. La sua meravigliosa carriera è stata celebrata con incontri e interviste, ed è possibile ammirare un Omaggio a Helen Oxenbury presso la Fondazione Gualandi a favore dei sordi, in collaborazione con Giannino Stoppani Cooperativa Culturale.

Ma anche biblioteche, musei e locali della città sono protagonisti di incontri ed eventi: presso la Biblioteca Salaborsa, ad esempio, è possibile ammirare le mostre L’apprendista stregone illustrato da Fabian Negrin ed Esci dentro, sali sotto di Fanny Millard. Per conoscere tutti gli altri luoghi della Fiera in città è possibile scaricare il programma di BOOM! Crescere nei libri 2018.

La parola ai lettori

All’interno del fitto programma che, come ogni anno, ha caratterizzato le quattro giornate della fiera, mi fa piacere segnalarne una che ha permesso a ragazzi e ragazze di varcare la soglia, per il resto vietatissima ai minori, della fiera. La casa editrice San Paolo ha infatti organizzato un incontro, intitolato Lettori al centro fra alcuni dei suoi autori (Alice Keller, Guido Sgardoli, Gabriele Clima e Davide Rondoni) e i lettori del blog Qualcuno con cui correre, del Festival Mare di Libri e dell’Avamposto di Lettura Fuorilegge La grande quercia. I ragazzi (o, meglio, le ragazze) si sono destreggiate con intelligenza e ironia fra le domande dei moderatori e gli interventi del pubblico, presentando i quattro romanzi in modo decisamente originale.

I premi del 2018

Come ogni anno, infine, alcuni importanti riconoscimenti sono stati conferiti ad autori, illustratori ed editori nel corso della Bologna Children’s Book Fair 2018: se siete curiosi di sapere quali sono, potete scoprirli cliccando qui.

L'autore di questo post

A cinque anni ho chiesto alla mamma di insegnarmi a leggere per divorare in autonomia i fumetti di Topolino: da allora, le storie non mi hanno mai abbandonato. Innamorata di giardini segreti, mondi altri e bambini disubbidienti, per me la promozione della Letteratura per l'infanzia è una passione, prima che una professione. Attualmente lavoro in una bella biblioteca bolognese.

Nessun commento su "Dentro e fuori la Bologna Children’s Book Fair 2018"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *