Bibi, monella vagabonda del Nord

Ci sono alcune caratteristiche da cui non si può prescindere per essere annoverati tra i monelli. Certo l'essere ribelle e irriverente è una conditio sine qua non ma anche il gusto per l'avventura è tra le skills da possedere per candidarsi a questa speciale categoria.
Il monello-tipo, difatti, è generalmente piuttosto vagabondo: spesso sfugge al controllo dell'adulto e si lancia in gite fuori porta che alla fine si rivelano esperienze preziose (da Ciuffettino a Tonino a Little Nemo, ne abbiamo viste di tutte i colori).

Sul podio dei monelli con la passione per il vagabondaggio troviamo senza dubbio alcuni personaggi nordici femminili, tra cui la svedese Pippi e la danese Bibi
Libere, indipendenti, fuori dagli schemi, generose e amanti della natura e degli animali, entrambe sono orfane di madre e forse per questo hanno una forza di carattere tale da renderle speciali. 

Se Pippi vive sola a Villa Villacolle in compagnia di una scimmietta e di un cavallo, Bibi è specializzata in fughe in treno: grazie al padre, che è un capostazione, la bambina ha la possibilità di viaggiare senza biglietto per tutta la Danimarca.

Per Bibi star ferma in posto è un calvario:

"Bibi se lo sente nelle dita dei piedi e nei capelli che fra poco sparirà. E' come se di colpo le spuntassero le ruote sotto i piedi e una sirena di locomotiva sulla testa. Se non si sbriga, il treno parte, e allora lei morirebbe. Proprio così. Morirebbe"

Le somiglianze tra le due monelle del Nord prendono le mosse proprio dalle comuni esperienze delle loro autrici, Astrid Lindgren e Karin Michaëlis, due donne rivoluzionarie, impegnate socialmente e politicamente, che, con le loro eroine, capovolsero i modelli educativi del tempo e il ruolo della donna. Per la loro carica anticonformista, Pippi e Bibi destarono infatti forte preoccupazione: mentre Pippi non trovò immediata pubblicazione e fu inizialmente bistrattata dagli editori, tutte le copie di Bibi furono messe al bando e bruciate dai nazisti in Germania (ma fortunatamente sfuggirono alla censura fascista).

Pubblicata per la prima volta nel 1929, la serie di Bibi (in sei libri) fu tradotta in 23 lingue e in Italia edita da Vallardi tra il 1933 e il '41 con i titoli: Bibi, una bambina del Nord, Bibi e il suo grande viaggio, Bibi ha un amico, Bibi e le congiurate, Bibi di sorpresa in sorpresa, Bibi si fa contadina

 
Bibi fu molto amata dalle bambine del dopoguerra proprio per il suo spirito libero: la monella, che vive con il padre in un paesino della campagna danese, possiede una gazza, una capretta, una tartaruga e una cicogna, e da grande vorrebbe fare la veterinaria. E' stata espulsa da scuola più di una volta, fa ritratti caricaturali dei suoi insegnanti, se ne va in giro con stallieri, bovari e vagabondi e dorme nei fienili. E poi va da sola in barca in mezzo al lago e rischia di annegare, si arrampica in cima a un'asta di bandiera e si tiene con una gamba sola, diventa amica di uno scassinatore, vede la casa dove visse H.C. Andersen, "il più grande favolista del mondo". Bibi non si stanca mai di viaggiare e racconta per filo e per segno le sue avventure stravaganti nelle lettere piene di disegni che manda a suo padre ogni volta che è via: 
 

"Caro Papi, mi sento come un cassetto che non si chiude tanto è pieno. Credimi, mi sono guardata intorno e ho visto talmente tante cose che di certo al mondo me ne restano ben poche da scoprire".

Anche se dai vestiti che indossa e dai suoi modi da maschiaccio non si direbbe, Bibi in realtà ha origini nobili: la sua mamma era una contessa che, scegliendo di sposarsi con un capostazione, si inimicò i suoi aristocratici genitori, i conti di Klinteborg, due "signori grigi" snob e aristocratici che Bibi si rifiuta di riconoscere come nonni.

Tuttavia, la piccola si troverà nella condizione di dover scegliere se andare in un collegio in Svizzera o dagli odiati parenti a Klinteborg. Opterà per la seconda strada, ma nuove avventure la coglieranno di sorpresa: visiterà l'Europa, viaggerà con le sue amiche e col suo fidanzato americano, e alla fine (nell'ultimo libro) deciderà di diventare una contadina, realizzando in parte il suo sogno di fare la veterinaria e non rinunciando alla libertà e all'indipendenza che l'hanno resa un modello per tante giovani lettrici:

"Si può misurare la libertà in chilometri" scriveva Karin Michaëlis "questa comincia col mettersi in movimento e coll'uscire dallo spazio geografico e sociale. In seguito si passerà dalla libertà di movimento alla libertà di fatto"

 

L'autore di questo post

Nessun commento su "Bibi, monella vagabonda del Nord"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *