Apollo libera tutti!

Non sarebbe fantastico se, ogni volta che ci trovassimo in una situazione difficile e senza via d’uscita, apparisse qualcuno dall’alto a risolverla per noi?

Nella tragedia greca, soprattutto in quella di Euripide, una cosa del genere succedeva abbastanza spesso: i personaggi, dopo essersi scontrati gli uni con gli altri, restavano imprigionati in un conflitto all’apparenza privo di soluzione, finché dal cielo non calava un dio – uno qualsiasi del loro immortale e sterminato Olimpo – a sciogliere tutti i nodi.

Questo procedimento veniva chiamato deus ex machina. Letteralmente l’espressione latina significa dio che viene da una macchina, e questo perché l’attore che interpretava il dio veniva calato sul palco dall’alto per mezzo di una mechanè, ossia un macchinario che somigliava a una specie di gru tutta di legno, con un sistema di funi.

L’effetto che produceva, per un’epoca che ancora non conosceva gli special effects del nostro cinema, doveva essere strabiliante: il pubblico ammirava a bocca aperta l’apparizione del dio-attore che si produceva nell’alto del cielo, sopra le loro incredule testoline.

Prendiamo un esempio: l’Orestea, rappresentata al teatro di Dioniso nel 408 a.C.

Nel finale di questa tragedia il protagonista Oreste non se la cava affatto bene, così come il suo antagonista Menelao. Il primo è rinchiuso in un palazzo assieme alla figlia del secondo, Ermione, presa in ostaggio. Menelao assedia la reggia, mentre Oreste comincia a trattare, ma c’è poco da fare: nessuno dei due riesce a scendere a un compromesso. Oreste allora dà fuoco al palazzo dall’interno.

La situazione è più che complessa e sembra possa risolversi soltanto in modo veramente drammatico per tutti quelli che vi hanno preso parte.

Cosa s’inventa Euripide a quel punto, in una situazione altrimenti difficilmente risolvibile?

Il nostro drammaturgo fa apparire una divinità ex machina proprio per riportare l’ordine e un po’ di pace. Per la precisione, a calarsi giù dal cielo è Apollo e, grazie al suo intervento, Oreste ed Ermione convoleranno addirittura a nozze!

Fossi in voi però, non farei tanto affidamento sull’intervento divino per cacciarvi fuori dai guai. Non si sa mai avesse ragione Platone: forse Euripide utilizzava tutta la faccenda del deus ex machina perché una storia così complicata non sapeva proprio come farla finire.

L'autore di questo post

Nessun commento su "Apollo libera tutti!"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *