a e i o u (Edizioni Corsare)

Federica Campi, a e i o u, illustrazioni di Marco Bonatti, Edizioni Corsare

Quando ho visto l’albo illustrato a e i o u, la prima cosa che mi è venuta in mente è un video in cui mio padre parlava a Eleni, mia nipote che aveva allora poco più di un anno, usando solo le vocali e, attraverso una diversa intonazione, sembrava raccontarle una storia tutta loro a cui lei rispondeva con delle gran risate.

Anche nell’albo di Federica Campi e Marco Bonatti (Edizioni Corsare), la lingua diventa materia di gioco e narrazione, le vocali si mostrano in tutte le loro potenzialità, ben al di là di come – solitamente – sono presentate nelle basi dell’apprendimento della lingua scolastica.

Non aspettatevi quindi di trovarvi tra la “A” di albero e la “U” di uovo, passando dalla “E” di elefante, dalla “I” di iris e la “O” di orso, le pagine di a e i o u non sembrano voler stare ferme, sono vive come viva è la lingua di tutti i giorni.

L’espressività delle vocali

Così la A è l’“AAAaaa” di Mario a scuola quando finalmente ha capito qualcosa che fino a quel momento gli era sfuggito oppure l’“Ah ah ah!” che si ripete di Serenella “quando le prende la risarella”. E così l’“Oh” della maestra con i capelli ritti in testa non sarà certo l’“Oh, Oh, Oh” di Babbo Natale che si tocca la pancia e la barba mentre pensa a quanto piaceranno i suoi regali…

Ma quante storie possono raccontare queste piccole ed essenziali cinque vocali?

Tra esclamazioni, risate, urli, stridii e versi di animali le pagine dell’albo ve ne danno un assaggio perché, una volta fuori dalla loro gabbia, le vocali saranno felici di continuare ad andare in giro e di essere usate dai lettori a più non posso.

Autrice

Federica Campi, che conosciamo bene grazie alla rubrica Scrivo come sono sulle nostre pagine, lavora presso la Scuola di Scienze della formazione primaria del Dipartimento di studi umanistici dell’Universita di Urbino dove insegna linguistica e letteratura italiana e svolge laboratori di didattica della lingua. Lavora poi nella scuola primaria e secondaria di primo grado con progetti di potenziamento linguistico e scrittura emozionale. Ha già pubblicato con Il gioco di leggere, L’altalena di Mak e La fata Però nel bosco dei pini entrambi illustrati da Simona Mulazzani, così come Il mondo di Oliva, edito invece da Edizioni Corsare. La sua esperienza lavorativa, al contatto con il mondo dei bambini e dei ragazzi e con il loro rapporto voce/corpo/scrittura, e uno sguardo attento le permettono di essere realmente vicina al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza. Il suo testo, infatti, come ha avuto modo di sperimentare la stessa autrice, si esprime al meglio proprio in una lettura ad alta voce.

Illustratore

Le illustrazioni di Marco Bonatti ci mostrano nel frontespizio 5 bambini, ognuno di loro intento nella pronuncia di una vocale, poi comincia lo scoppiettio legato ai testi, alla risarella di Serenella, alla Befana soddisfatta in volo, al fischio di un arbitro in campo… Per ogni doppia pagina grande spazio è lasciato al foglio bianco, a volte un’intera pagina è bianca e accoglie solo il testo, a volte le illustrazioni strabordano, in tutta la loro travolgente vitalità, e si fanno spazio anche al di là della pagina loro assegnata.

Testo e illustrazioni contribuiscono insieme a un testo fresco e divertente, consigliato per i bambini dai 3 anni.

L'autore di questo post

Classe 1982, pugliese, fiorentina d’adozione e con un debole per la Francia. Da quando ho scoperto A. A. Milne e Astrid Lindgren, mi è stato chiaro all’improvviso che cosa avrei fatto da grande e poco importa il fatto che un po’ grande lo fossi già. Da allora mi dedico alla letteratura per l’infanzia e ragazzi, tra studio, letture e i primi passi nel dietro le quinte del mondo editoriale.

Nessun commento su "a e i o u (Edizioni Corsare)"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *